E’ il primo marzo,

le otto e mezzo, nevica sull’Arno e sopra gli alberi; due anatre scendono nel fiume,  un gabbiano prosegue il suo volo. Dopo tutto rimane immobile; solo il suono dell’acqua che scorre.