Gesù mio la nobil fronte

chi di spine coronò, Gesù mio la bella faccia chi di sputi t’imbrattò. Sono stato io l’ingrato, o mio Dio perdon pietà. Gesù mio l’amante cuore chi con lancia trapassò, o Maria quel tuo bel figlio chi l’uccise e massacrò. Sono stato io l’ingrato, o mio Dio perdon pietà. Gesù mio le sante carni chi spietato flagellò, Gesù mio li stanchi piedi chi alla croce t’inchiodò. Sono stato io l’ingrato, o mio Dio perdon pietà

(processione di Venerdì Santo, Vallata –  Avellino)